Gabriele Bojano torna in edicola, e non per il suo lavoro “quotidiano”, ma per il suo nuovo libro “I favolosi ’60“.

Il clima di festa che gli ha tolto la pandemia gliel’ha regalato il nuovo libro appena arrivato in libreria e che sarà presentato per la prima volta in presenza, martedì 22 giugno, alle ore 18.45, nella corte interna del Convitto Nazionale di Salerno, nell’ambito di Salerno Letteratura.

Animatore della serata il più frizzante e imprevedibile degli speaker radiofonici, Pippo Pelo.

Il giornalista Gabriele Bojano con “I favolosi 60”, edito da Linea Edizioni, mette assieme sessanta sessantenni “troppo giovani per tirare i remi in barca e troppo vecchi per tirare la barca a remi”.

Si tratta di un’antologia, o se preferite di un vero e proprio assembramento, di persone e personaggi, noti, poco noti o del tutto sconosciuti, che hanno in comune l’aver compiuto nel 2020, come l’autore, 60 anni e di non averli potuti festeggiare.

Un espediente per raccontare e raccontarsi, un esperimento di narrazione autobiografica non autocelebrativa inserita in un contesto più ampio, dato dalle interconnessioni e interazioni con i “favolosi 60”.

“L’idea mi è venuta a ridosso del mio 60esimo compleanno, ho pensato a tutti quei coetanei impossibilitati come me a festeggiare, causa pandemia, e allora ho cominciato a cercarli, uno ad uno, e a trovare in ciascuno di loro qualcosa che potesse accomunarli a me” ha spiegato Gabriele Bojano.

Ne è venuto fuori un memoir molto insolito e ammiccante che Antonio Polito, editorialista del Corriere della Sera, nella prefazione ha definito, “un piccolo colpo di genio”.

Dai personaggi nazionali del mondo della cultura, spettacolo e sport come Fiorello, Panariello, Antonio Banderas e persino Diego Armando Maradona a quelli più meramente locali, da Tino Iannuzzi a Paolo Vuilleumier, ogni capitolo è un caleidoscopio di umanità, con cui l’autore si è rapportato, direttamente o indirettamente, sia per motivi personali che professionali.

Il libro si rivela pertanto un insieme di quadri umani raccontati, come dice Polito, “con la virtù della leggerezza, e con metodo maieutico”.

Gabriele Bojano, nato a Salerno, è giornalista professionista dal 1994. Ha collaborato a Il Giornale di Napoli, Roma, Il Mezzogiorno, Il Mattino, Il Giornale, Libero, agenzia Agi, Ansa, Radiocorriere Tv.

Bojano ha lavorato come addetto stampa al Giffoni Film Festival, Premio Charlot, teatro Verdi. Dal 2003 è caposervizio al Corriere del Mezzogiorno.

Oltre a “I favolosi ’60”, l’autore ha scritto anche i libri “Penna all’arrabbiata”, edito da “Siman”, e “Come eliminare i giornalisti (senza finire in prima pagina)”  per “Mursia”.

E’ stato premiato alla carriera dall’Associazione Giornalisti salernitani ed ha ricevuto il Premio Ucsi 2002, l’Orchidea d’Argento, il premio Ritratti di Territorio ed il premio Giuseppe Ripa.

CONTINUA A LEGGERE SU BOOONZO.IT