Cosa potrebbero mai fare un bambino e il suo nuovo migliore amico per rendere la loro estate ligure indimenticabile?

Lo scopriremo nel nuovo film Disney Pixar “Luca”, in uscita al cinema l”anno prossimo. Prima d’ora, i due colossi della filmografia avevano dedicato un pensiero al nostro Bel Paese inserendo solo qualche elemento nei loro progetti (per esempio, in Cars, una delle macchinine è una Fiat 500 con la targa che riporta le coordinate della fabbrica della Ferrari situata a Maranello), mentre questo invece avrà tutte le sfumature dell’Italia: l’ambientazione, i protagonisti e perfino il regista!

A dirigere il tutto infatti c’è Enrico Casarosa, che a riguardo, in un’ intervista a Vanity Fair ha rivelato: “questa è una storia molto personale, non solo perché è ambientato nella riviera italiana dove sono cresciuto, ma anche perché al centro di questo film c’è la celebrazione dell’amicizia. Le amicizie infantili spesso stabiliscono la rotta di chi vogliamo diventare. Così, oltre alla bellezza e al fascino del mare italiano, il nostro film racconterà un’ avventura estiva indimenticabile che cambierà per sempre Luca”.

Possiamo aspettarci solo grandi cose da Casarosa che ricordiamo, ha già ottenuto una nomination agli Oscar nel lontano 2012 grazie al corto “La Luna”, il quale vedeva come protagonista sempre un bambino, che però si ritrova nel mezzo di una tensione familiare. Anche lì il cineasta aveva preso spunto dalla vita reale e in particolare da una propria esperienza.

A quanto pare non gli riesce difficile mostrare al pubblico cosa abbiano rappresentato e rappresentino ancora i modelli con cui è cresciuto.

Infatti nello stesso corto osservando bene lo stile e l’animazione, non si può fare a meno di notare l’omaggio ad Hayao Miyazaki, un grande esponente dell’animazione giapponese. Non sappiamo stavolta a chi si ispirerà, ma sappiamo che in “Luca” verrà mostrato il vero valore dell’amicizia che parla di diversità e accettazione laddove esiste anche un senso di inadeguatezza.

Sì, perchè il nostro protagonista è una creatura un po’ speciale, che in contrasto alla luminosità del sole sotto il quale vive porta con sé un po’ di buio nel segreto che nasconde: in realtà è un mostro marino. Il direttore artistico non ha svelato molto altro e ciò fa sì che la curiosità e l’immaginazione volano ad altissimi livelli. Per fortuna a distrarci ci pensano altre due produzioni Disney Pixar, ovvero “Onward” (in anteprima al Giffoni Experience) già uscito a marzo di quest’anno e Soul, che invece è programmato per settembre.

CONTINUA A LEGGERE SU BOOONZO.IT