78esima edizione della Mostra del Cinema di Venezia, la Campania protagonista con registi, fim e cortometraggi.

La Campania si conferma protagonista della 78esima edizione della Mostra di Arte Cinematografica, iniziata ieri, 1 settembre, a Lido di Venezia nel pieno rispetto delle regole anti Covid.

Grande attesa, in particolare, per il ritorno in Laguna dei registi Paolo Sorrentino e Mario Martone, in lizza per il Leone d’oro.

Vent’anni dopo la sua opera prima “L’uomo in più”, Sorrentino è in concorso a Venezia con “È stata la mano di Dio”, il film che racconta la sua storia e che verrà proiettato oggi, 2 settembre, in anteprima mondiale.

Alla sua terza partecipazione consecutiva, invece, è il regista Mario Martone con “Qui rido io”, realizzato con il contributo della Regione Campania – Piano Cinema 2019. Il film è incentrato sulla vita del grande commediografo Eduardo Scarpetta, interpretato dall’immenso Toni Servillo, protagonista anche del film di Sorrentino.

Fuori concorso, inoltre, il film di chiusura della 78° Mostra del Cinema di Venezia, sabato 11 settembre, sarà “Il bambino nascosto” di Roberto Andò, realizzato con il contributo della Regione Campania, il cui protagonista è un maestro di musica interpretato da Silvio Orlando.

Alle “Giornate degli Autori” saranno presenti: il documentario girato a Torre Annunziata “Californie” di Alessandro Cassigoli e Casey Kauffman; il film “Il silenzio grande” di Alessandro Gassman, realizzato con il contributo della Regione, tra gli Eventi Speciali; il corto “Coriandoli” di Maddalena Stornaiuolo nella sezione Notti Veneziane.

Nella sezione “Orizzonti”, tra i cortometraggi in concorso c’è “Il turno” di Chiara Marotta e Loris Giuseppe Nese, beneficiario del contributo della Regione Campania, Piano Cinema 2019.

Nella “Biennale College Cinema” ritroviamo Napoli con “La Santa Piccola”, opera prima della regista Silvia Brunelli che racconta le tradizioni e le superstizioni del popolo napoletano.

Gli otto film sono stati realizzati in collaborazione con la Film Commission Regione Campania e con il supporto sanitario garantito dalla Regione Campania.

“La folta partecipazione campana alla vetrina veneziana valorizza il ruolo storico della nostra cultura cinematografica che, in questa fase di prolungata incertezza dovuta alla pandemia, sintetizza un connubio determinante: il cinema dà forza all’economia e contemporaneamente offre un disegno nuovo all’immaginario collettivo, lanciando un segnale di ottimismo per il futuro” ha dichiarato Rosanna Romano, direttore generale per le Politiche culturali e il Turismo della Regione Campania.

CONTINUA A LEGGERE SU BOOONZO.IT